Raccontando l’esperienza di uno degli Apostoli noi narriamo la storia di Dio. La Bibbia è un racconto fatto di parole. “Il simbolo fondamentale per raccontare di noi e di Dio è appunto la parola, e per mezzo di essa narriamo a Dio le nostre storie, anche se è lui per primo, a dischiuderci una storia che ci precede, ci eccede, ci supera” (cardinal Gianfranco Ravasi). La finzione letteraria ci permette perciò di ridar vita al personaggio, creare dialoghi e presentarlo nella sua azione missionaria; in queste pagine lo incontriamo mentre prepara, con un suo ultimo discorso-racconto, alcuni neofiti a ricevere il battesimo. L’abbiamo voluto immaginare proprio nell’esercizio del suo ministero apostolico, mentre obbedisce al mandato di Cristo “andate, fate mie discepole tutte le genti e battezzate“. Un po’ quello che hanno fatto tutti i Dodici, a Gerusalemme, in Giudea, Galilea e nelle più sperdute regioni, dopo aver ricevuto forza dallo Spirito Santo che ha chiarito loro ogni cosa. L’abbiamo presentato nella sua realtà umana, di cercatore e di credente, discepolo che aderisce, senza tentennamenti, alla proposta del Messia stimolato sì dalla chiamata di Filippo ma soprattutto per l’incontro personale con Cristo che lo ha conquistato.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Bartolomeo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Per accedere ai contenuti della cartella stampa, richiedi l'accesso inviando una email a redazione@editricetau.com
© 2022 Tau Editrice - Via Umbria 148/7 - 06059 Todi (PG) - Iscrizione registro Imprese PG - 205459 - P.IVA 02265070546 - e-mail: taueditrice@pec.it