L’autore è convinto che la Sindone sia autentica in quanto, confrontando quello che è scritto nei Vangeli sulla sepoltura e sulla resurrezione di Gesù e i suoi esperimenti, constata che c’è perfetta corrispondenza fra quello che è scritto e i risultati da lui ottenuti. Tutto comincia dall’interpretazione dei dati forniti dai quattro Evangelisti, che non sono affatto in contraddizione fra loro. V’è, in essi, la presenza certa di un lenzuolo funebre, detto in greco sindòn, di una quantità esorbitante di migma (che vuol dire mistura) di mirra e aloe, di un sudario e di una o più bende. Ebbene, se questi furono gli elementi fisici usati, adoperandoli noi oggi, potremmo ottenere, per ipotesi, quella particolarissima immagine corporea che noi vediamo sulla Sindone. È quello che di fatti avviene. Il migma di mirra e aloe, in presenza di umidità, diventa resina. La resina, così ottenuta, si attacca al tessuto. Il tessuto, in presenza di questa resina, si modifica chimicamente, colorandosi di ambra. La presenza del sangue sulla Sindone è dovuta ugualmente alla presenza di mirra e aloe, le quali riescono a rendere di nuovo liquide le numerose croste presenti sul corpo, facendo penetrare così il sangue in profondità nelle fibre, fino alla parte opposto del lino. L’aspetto più difficile da decifrare di quest’immagine è la sua tridimensionalità sul piano. L’autore riesce a spiegarla mediante la sua scoperta di quello che lui chiama “rilievo di carne di tipo gotico”. Il corpo di Gesù, infatti, all’interno della Sindone, era talmente coperto di mirra e aloe, avanti, indietro e soprattutto di lato, che emergevano fuori dal migma solo la parti anteriori e posteriori del corpo. Queste parti soltanto riuscirono a riprodursi sul lino.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La Sindone è autentica”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare…

  • Leggi tutto

    De Sindone

    25,00
© 2021 Tau Editrice - Via Umbria 148/7 - 06059 Todi (PG) - Iscrizione registro Imprese PG - 205459 - P.IVA 02265070546 - e-mail: taueditrice@pec.it