Celebrare i 50 anni del Concilio significa tentare di cogliere in profondità il “soffio pentecostale” che l’ha animato e metterne a frutto il magistero consegnato nei documenti. Si tratta, infatti, di «testi qualificati e normativi del Magistero che … non hanno perso il loro valore né il loro smalto» (Giovanni Paolo II), di insegnamenti «particolarmente pertinenti in rapporto alle nuove istanze della chiesa e della società» (Benedetto XVI). Una conoscenza non finalizzata quindi alla pura erudizione o alla facile “monumetalizzazione” di quell’evento, ma all’amorevole e docile  recezione di quanto lo Spirito Santo ha detto per bocca dei padri. Anche perché nella lunga tradizione dei concili il Vaticano II costituisce una formula “nuova” per la qualifica “pastorale” del suo magistero, attento cioè a tradurre il patrimonio della fede cristiana in un linguaggio dinamico e accessibile all’uomo d’oggi nella «continuità della crescita» (papa Francesco). A tale conoscenza “amorosa” intende contribuire questo primo volume, dedicato alla preparazione e al periodo iniziale del concilio (1959-1963), a quella fase cioè in cui sotto la guida di Giovanni XXIII si chiude un’epoca della storia della chiesa ancora presente negli schemi preparatori e ci si avvia con il loro superamento verso una prospettiva di apertura e dialogo “salvifico” nei confronti dell’umanità e della storia e di libertà e collegialità nella chiesa.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La “nuova Pentecoste” di Papa Giovanni”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Per accedere ai contenuti della cartella stampa, richiedi l'accesso inviando una email a redazione@editricetau.com
© 2022 Tau Editrice - Via Umbria 148/7 - 06059 Todi (PG) - Iscrizione registro Imprese PG - 205459 - P.IVA 02265070546 - e-mail: taueditrice@pec.it