I terremoti aquilani

2,50

In una terra eminentemente sismica come l’Italia, a causa della collisione tra placca mediterranea e placca euro-asiatica, l’Appennino Abruzzese si colloca purtroppo nella zona di massima sismicità.


Autore:
Anno di pubblicazione: 2010
Numero di pagine: 48
Formato: 11 x 16,5
Argomenti: Storia della Chiesa Cattolica

SKU: 978-88-6244-100-1
Category: ,

Descrizione

In una terra eminentemente sismica come l’Italia, a causa della collisione tra placca mediterranea e placca euro-asiatica, l’Appennino Abruzzese si colloca purtroppo nella zona di massima sismicità. All’Aquila in particolare, il terremoto è di casa, compagno inseparabile e onnipresente. Ogni due-tre secoli i parossismi si fanno distruttori: l’ultimo vissuto proprio dalla nostra generazione, il 6 aprile 2009. Questi terremoti distruttivi a volte possono causare la scomparsa di un’intera civiltà. Il più delle volte, invece, paradossalmente essi diventano spinta alla riattivazione economico-sociale di un territorio, nonché, in particolare, se non veri e propri spartiacque, di certo accelerazione di fenomeni culturali e di cambio di mentalità, di abitudini e di modi di vita e di lavoro.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I terremoti aquilani”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per accedere ai contenuti della cartella stampa, richiedi l’accesso inviando una email a redazione@editricetau.com

Ultime uscite