San Giuseppe è il più santo dei santi, tanto che san Gregorio nazianzeno (330-390) scrive: “il Signore ha riunito in Giuseppe come nel sole, tutta la luce e lo splendore degli altri santi tutti insieme”. I testi apocrifi, raccolti, ci aiutano a comprendere meglio l’ambiente del primo cristianesimo e a collocare la vita di Giuseppe nel contesto della Galilea di I secolo, mettendo in luce l’umanità di un uomo che per volere di Dio è stato chiamato a prendersi cura di suo Figlio. L’apocrifo Storia di Giuseppe falegname del II-III secolo è l’unico scritto che parla della vita e della morte di Giuseppe, una pietra preziosa che arricchisce la corona dell’Incarnazione. In agonia Giuseppe, confortato da Gesù e Maria, fa la sua professione di fede: “O Gesù nazareno, Gesù mio consolatore, Gesù liberatore della mia anima. Gesù mio protettore. Gesù, nome soavissimo sulla mia bocca e su quella di tutti coloro che lo amano. Nella storia della devozione san Giuseppe è invocato come il Patrono della Chiesa universale e protettore dei poveri, esuli, dei padri e degli sposi.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Storia di Giuseppe falegname”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2021 Tau Editrice - Via Umbria 148/7 - 06059 Todi (PG) - Iscrizione registro Imprese PG - 205459 - P.IVA 02265070546 - e-mail: taueditrice@pec.it