Nella figura di questo Apostolo, così come in tutto il Vangelo, ci è proposto il grande paradosso: “chi è apparentemente più lontano dalla santità può diventare persino un modello di accoglienza della misericordia di Dio e lasciarne intravedere i meravigliosi effetti nella propria esistenza”

(Papa Benedetto XVI – 30 agosto 2006)

 

Quando alloggiavo in via della Scrofa, mi piaceva andare a San Luigi dei Francesi per guardare il Caravaggio, La conversione di Matteo: lui aggrappato ai soldi e Gesù che con il dito lo indica. Lui attaccato ai soldi. E Gesù sceglie lui. Invita a pranzo tutta la “cricca”, traditori della patria, i pubblicani. Vedendo ciò, i farisei, che si credevano giusti, giudicavano tutti e dicevano: “Ma come mai il vostro maestro ha questa compagnia?”. Gesù dice: “Io sono venuto a chiamare non i giusti, ma i peccatori”. Questo mi consola tanto, perché penso che Gesù è venuto per me. Perché tutti siamo peccatori. Tutti. Tutti abbiamo questa “laurea”.

(Papa Francesco – 7 luglio 2017)


Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Matteo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Per accedere ai contenuti della cartella stampa, richiedi l'accesso inviando una email a redazione@editricetau.com
© 2022 Tau Editrice - Via Umbria 148/7 - 06059 Todi (PG) - Iscrizione registro Imprese PG - 205459 - P.IVA 02265070546 - e-mail: taueditrice@pec.it