Come mai la contemporaneità predilige una visione filosofica positivista che tende a negare la possibilità di ogni dimensione ultraterrena? Perché sembra così irrazionale la fede, perché la cultura sempre di più vuol tagliare fuori Dio dal pensiero e dal sentire comune? Perchè si cerca di spiegare Dio con la logica del pensiero razionalista? Le pagine de “Il senso di Dio” sgorgano da queste domande, e affermano che per rendere ragione della propria fede il cristiano deve prima fare un’esprienza personale e concreta di Dio. Per “vivere in Dio” è necessario sapere qual’è il Dio di cui si parla.

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il senso di Dio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Per accedere ai contenuti della cartella stampa, richiedi l'accesso inviando una email a redazione@editricetau.com
© 2022 Tau Editrice - Via Umbria 148/7 - 06059 Todi (PG) - Iscrizione registro Imprese PG - 205459 - P.IVA 02265070546 - e-mail: taueditrice@pec.it