ll volume presenta uno dei più grandi drammi sociali del nostro tempo: il distacco dei figli dai genitori partiti in emigrazione. In queste pagine viene descritto lo specifico caso dell’Ucraina, una terra in cui centinaia di migliaia sono i genitori, padri e soprattutto madri che hanno lasciato i loro figli nella speranza di guadagnare, fuori dei confini nazionali, ciò che permetterà di vivere un futuro migliore a tutta la famiglia.
«Non si può essere indifferenti – si legge nella Prefazione – a quanto raccontato in questo volume, ma anzi la sua lettura interroga nel profondo, chiama a nuove responsabilità ciascuno di noi nel momento in cui occorre ringraziare per ciò che si ha e che altri non possono avere, ma soprattutto a nuove sensibilità nel momento in cui nelle proprie famiglie o in famiglie a noi vicine si incontra la presenza di una collaboratrice che vive l’esperienza di tante donne ucraine o di altri paesi che, per bisogno, vivono lontane dai figli. Un libro che aiuta anche a pensare a come la famiglia migrante sia un soggetto necessariamente da tutelare e accompagnare nel suo cammino».

La comunità ucraina in Italia – con 225.000 persone all’inizio del 2013 – costituisce la quinta comunità in Italia per numero di immigrati. L’80% delle presenze ucraine è costituita da donne e madri, che spesso sono emigrate dall’Ucraina in Italia da sole, lasciando nel paese d’origine una famiglia, i figli, i genitori avanti con gli anni. Sono donne che nelle nostre famiglie curano anziani e minori, non risparmiandosi nelle fatiche, unite alle sofferenze per i familiari lontani. 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I figli lontani”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Per accedere ai contenuti della cartella stampa, richiedi l'accesso inviando una email a redazione@editricetau.com
© 2022 Tau Editrice - Via Umbria 148/7 - 06059 Todi (PG) - Iscrizione registro Imprese PG - 205459 - P.IVA 02265070546 - e-mail: taueditrice@pec.it